Categorie
Blog

RODRIGO GARCÍA DE LA CRUZ, CEO AT FINNOVATING

Empecemos con tu experiencia laboral, ¿cómo has llegado al fintech?

Empecé mi trayectoria profesional en el mundo tecnológico, programando robots y complejos autómatas, como ingeniero que soy. Pero siempre me había atraído mucho las finanzas, de ahí que también estudiara ADE, lo que hizo que en 2004 aterrizar en el sector financiero para pasar allí 12 años en entidades como Citi, Barclays o Banesto. Pero tras la crisis de 2008 entendí que el sector financiero tenía que transformarse tecnológica y digitalmente más allá de aquella crisis. Es en 2011 cuando decido hacer un Executive Máster en Dirección de Entidades Financieras, donde descubro que la tecnología iba a cambiar la banca para siempre. Tras un proyecto fin de máster premiado, decido crear el primer Programa Directivo en Banca Digital y FinTech en 2012-2013 donde empiezo a crear el primer ecosistema FinTech en España.

En 2015 dejo Citibank para lanzarme de lleno al sector de la innovación lanzando una mi propia FinTech, un vehículo de inversión en FinTech y lanzar junto con otros emprendedores la Asociación Española de FinTech e InsurTech en 2016. Desde entonces, llevo trabajando e impulsando el sector en España y a nivel Internacional.

¿Cuáles son los ingredientes para crear un ecosistema FinTech de éxito?  

Para crear un ecosistema líder en FinTech, hay que contar con 6 grandes ingredientes, como se muestra en la siguiente infografía creada por el equipo de Finnovating:

Primero, contar con un ecosistema de emprendedores, FinTech y entidades financieras suficientes para generar tracción.

Segundo, contar con vehículos de inversión, tanto públicos como privados, suficientes para dotar de la gasolina suficiente a las startups para crecer, escalar y competir.

Tercero, contar con un entorno regulatorio adaptado a la innovación FinTech, con criterios de proporcionalidad, adaptabilidad regulatoria y supervisora alineada a los rápidos cambios del sector. Herramientas como el Sandbox es una de las mejores estrategias para ello, como es el caso de España.

Cuarto, contar con un mercado de potenciales clientes suficiente para crecer y una geolocalización estratégica para escalar e internacionalizarse. España para ello cuenta con el mercado único europeo, pero además con toda la región latinoamericana.

Quinto, contar con el talento y las escuelas de formación necesarias para crear perfiles técnicos adaptados a las necesidades de la innovación de las FinTech.

Y sexto y último, contar con una buena calidad de vida como país para atraer talento e inversión internacional. España en este punto también cuenta con una gran oferta formativa. De hecho, yo dirijo dos de los referentes en España, el Fintech & Digital Banking Executive Program (FiDEx) y el Insurtech & Digital Insurance Executive Program (iDEx) en Afi Escuela de Finanzas.

Desde tu experiencia como profesor, ¿Cómo crees que se pueda mejorar el nivel de educación financiera en Europa?

A día de hoy, toda educación debe llevar unida la incorporación de competencias digitales, y en especial en el sector financiero. Que los estudiantes universitarios incorporen estos conocimientos es clave para el futuro del sector financiero europeo. Pero más en el corto plazo, es clave que las entidades financieras inviertan más en formar digitalmente a sus empleados para transformar desde dentro las organizaciones. De hecho, la transformación digital empieza en las personas.

¿Cuál crees que es el desafío más grande en los próximos años para el ecosistema FinTech español?

Para mi hay dos grandes desafíos. 

El primero la captación de capital que como se ve en este informe de inversión en FinTech europeo de Finnovating donde se ve que España está aún lejos de los volúmenes que debería de tener para el volumen de FinTech y el peso financiero que tiene a nivel europeo.

Por otro lado, la internacionalización y escalabilidad de nuestras startups. Para ello, en el nuevo entorno post-Covid19, donde la mayoría de los negocios, búsqueda de partners y cierre de inversores, se hará digitalmente, buscar espacios digitales para ello será clave para crecer.

Por estos dos motivos, llevo trabajando más de un año en lanzar la Plataforma FinTech de Matching as a Service de Finnovating, para conecta a 50.000 FinTech, 5.000 inversores y 10.000 corporaciones para escalar la colaboración y co-creación en base a la tecnología.                                                                             

El objetivo es revolucionar la forma en que hoy se escala la innovación y la inversión en los servicios financieros y de seguros. Además, será el punto de encuentro global de la innovación y las nuevas tecnologías, con el objetivo de digitalizar y escalar la innovación y la inversión en los servicios financieros y de seguros. El sector llevaba pidiendo un espacio abierto donde conocer y darse a conocer, por eso lanzamos este LinkedIn de las FinTech para conectar a todos los interesados en la Innovación. Cualquier empresa ya puede formar parte de la Wainting list.

Te hacemos una última pregunta para que pueda ser de ayuda a la comunidad de FT, ¿Qué piensas que podría ser mejor para un joven, empezar en el mundo laboral con una start-up con fuerte capacidad de innovación o con una big corporation?

Recomiendo totalmente trabajar en una start-up para conocer de lleno cómo funciona una compañía 360 grados. Ya lo dice Jack Ma, fundador y CEO de Alibaba, “Cuando tienes entre 20 y 30 años, debes seguir a un buen jefe, un buen proyecto y unirte a una buena compañía para aprender a hacer las cosas correctamente”.Pero los jóvenes cada vez tienen más complicado aceder al mercado laboral y sus primeras experiencias son clave para su futuro profesional. Por eso desde Finnovating hemos creado el primer FinTech Bootcamp donde más de 25 alumnos de la universidad empezaran un programa de inmersión Fintech que durará 3 meses para adentrase de lleno en este sector. Nuestro objetivo es que dure tres meses y que pueden pasar al año más de una centena de alumnos universitarios de más de 15 escuelas nacionales e internacionales, creando sólidos puentes entre la Universidad y la industria FinTech.

Categorie
Blog

NACHO BAUTISTA, CEO Y CO-FUNDADOR DE FUNDEEN

Empecemos con tu experiencia laboral, energías renovables y finanzas han estado siempre tu carrera profesional, hasta llegar al fintech, ¿Correcto?  

Yo soy ingeniero civil y graduado en Ciencias Ambientales y, como dices, comencé mi carrera gestionando y evaluando proyectos de energías renovables para fondos de inversión. De modo que sí, renovables y finanzas han estado siempre presentes en mi trayectoria profesional. De hecho, que haya fundado una fintech junto a mi hermano Adrián, también ingeniero civil, creo que ha tenido que ver más con nuestra experiencia previa que con nuestra formación. Y en el hecho de habernos lanzado a montar una empresa creo que también ha influido otros factores: la conciencia medioambiental, las ganas de emprender en Ávila, nuestra ciudad natal, o que nuestros padres sean autónomos desde que tenemos consciencia. En definitiva, son muchos los factores que nos han traído hasta aquí.

Cuéntanos más sobre fundeen, ¿Cómo surgió la idea de emprender en este sector?

Como decía, yo trabajaba gestionando y evaluando proyectos de energías renovables para fondos de inversión. Gracias a esto, detecté que, además de ser positivas para el medioambiente, las renovables ofrecen un binomio rentabilidad-riesgo realmente interesante. El problema era que, de acuerdo con la ley, el ticket mínimo para participar en uno de estos fondos para los que yo trabajaba es de 100.000 €, aunque en la práctica se sitúa más bien en el entorno de los 200.000 o 250.000 €. 

Así fue como, tras hablarlo con Adri, tuvimos la idea de democratizar la inversión sostenible a través de una plataforma de crowdfunding. Y ahora, con Fundeen, los pequeños ahorradores también pueden participar en la financiación de este tipo de proyectos desde solo 500€ y recibir beneficios por ello. 

Con la financiación participativa no solo facilitamos que los particulares puedan rentabilizar sus ahorros invirtiendo en iniciativas éticas y medioambientalmente responsables, también ayudamos a impulsar proyectos de renovables que, por su tamaño, no siempre interesan a los grandes bancos y compañías eléctricas. 

Después de 3 años desde el lanzamiento, ¿Cuáles crees que son los ingredientes para ofrecer un buen producto de inversión sostenible? 

Emprender es siempre una aventura, especialmente si tu propuesta es tan disruptiva y compleja como la de Fundeen, y eso te lleva a descubrir multitud de “ingredientes” importantísimos para ofrecer un buen producto. Es un aprendizaje continuo, pero, si tuviese que destacar algún componente clave para la inversión sostenible, diría que el rigor y la transparencia. 

Por ejemplo, obtener la licencia de la Comisión Nacional del Mercado de Valores ha sido uno de los retos más complicados y excepcionales a los que nos hemos enfrentado en Fundeen. Tardamos 15 meses en conseguir la autorización para empezar a operar, lo que se tradujo en retrasos y desajustes que podrían haber acabado con la empresa. Pero no fue así, salimos adelante y lo hicimos paso a paso, respetando las reglas del juego y siendo muy escrupulosos con el cumplimiento de la normativa. 

Nosotros hablamos abiertamente de cómo calculamos la rentabilidad de un proyecto, o cuáles son los requisitos para que consideremos que una oportunidad de inversión es apropiada para financiar a través de la plataforma. Esta transparencia genera confianza en nuestros usuarios y podemos avanzar con paso firme porque, precisamente, somos rigurosos con lo que hacemos.

En Fundeen queremos que los pequeños ahorradores se beneficien de la inversión en renovables, que es rentable por sí misma, sin necesidad de retorcer los números para prometer rentabilidades mágicas. En el mundo de la inversión, sostenible o no, no puedes sacrificar tu credibilidad simplemente para seguir creciendo. Al final, nosotros nos limitamos a hacer nuestro trabajo con rigor y trasparencia, algo que, por otro lado, tiene bastante de revolucionario en el sector de la inversión.  

¿Cuáles crees que fueron los efectos de la covid que más afectaron al sector fintech?

No creo que podamos decir que la covid ha afectado a las fintech, al menos no sin matizarlo. Sin duda esta crisis ha cambiado y ha alterado nuestros hábitos de consumo, pero, viendo el panorama increíblemente difícil que se presenta en otros sectores, diría que el fintech no es de los peor parados y creo que a medio-largo plazo se verá beneficiado. El mundo de la inversión en particular, digital o no, sí que se ha resentido más. Los ahorros de las familias se han visto reducidos y posiblemente también se hayan “acobardado” ligeramente.

Sin embargo, es evidente que la covid ha impulsado, en general, todo el ecosistema digital, desde las plataformas de streaming hasta la industria del videojuego, en detrimento de otros modelos de negocio tradicionales como las salas de cine. Respecto a las fintech, creo que pese a que sean tiempos complicados para casi todos los sectores económicos, la covid ayudará en la adopción de los modelos de negocio digital que proponemos. 

En Fundeen hemos vivido un año difícil, lleno de altos y bajos. Hemos logrado importantes hitos durante este año, como financiar colectivamente un proyecto de un millón de euros o alcanzar los 5.000 usuarios registrados en la plataforma. Estas son, sencillamente, cifras récord en España. No obstante, no nos hemos librado de sufrir algunas dificultades. Por ejemplo, plazos de construcción en los proyectos que se demoran por el confinamiento, acuerdos que no terminan de materializarse… e incluso inconvenientes a nivel interno que, aunque no hayan tenido un gran impacto en el rendimiento de la compañía, también han supuesto un desafío para el equipo.

 ¿Cuál crees que es el desafío más grande en los próximos años para el ecosistema fintech español? 

Sinceramente creo que los mayores desafíos se presentan en los sectores tradicionales y no tanto en el fintech, más aún después de la época que nos está tocando vivir. Creo que el viento sopla a nuestro favor.

Pero para contestar a la pregunta, diré que el reto más importante que nos depara como sector es construir la confianza que un sector de la población tiene en los servicios financieros tradicionales. Aunque hayamos tenido alguna decepción que otra, la mayor parte de la población sigue o seguimos confiando en un banco tradicional para casi todo. Necesitamos seguir construyendo la confianza que requiere una persona para depositar los ahorros de su familia en un neobanco o para invertirlos en un crowdfunding. 

Te hacemos una última pregunta para que pueda ser de ayuda a la comunidad de FT, ¿Qué piensas que podría ser mejor para un joven, empezar en el mundo laboral con una start-up con fuerte capacidad de innovación o con una big corporation? 

En realidad, opino que ni empezar tu carrera en una star-tup disruptiva ni hacerlo en una big corporation es garantía de nada, ni de alcanzar el éxito, ni de obtener aprendizaje alguno. Creo que tiene que ver más con tu actitud y con tus ganas de crecer como persona y como profesional. Antes de montar Fundeen, mi hermano Adrián trabajaba en un grupo ex-IBEX35 y yo en una empresa de 50 trabajadores.

Categorie
Blog

FABRIZIO BALLARINI, HEAD OF ORGANIC GROWTH AT TRANSFERWISE

FT: Ci potresti raccontare il tuo percorso professionale, come sei arrivato al Fintech? 

Prima di TransferWise ho lavorato per l’agenzia pubblicitaria Ogilvy & Mather nella divisione di performance marketing. Nei primi anni ho collaborato con clienti come Intel, Galderma e vari ecommerce brands per poi passare ad HSBC dove mi occupavo della parte tecnica del loro content management system e search marketing su tutti i principali mercati. Più che alla ricerca di una compagnia in fintech ero principalmente interessato a lavorare in un ambiente agile con interessanti prospettive di crescita. Avendo esperienza in marketing per retail banking ed essendo frustrato dalla velocità di esecuzione di grandi corporation ho deciso di passare a  TransferWise. Nel 2015 le varie fintech nel Regno Unito stavano uscendo dalla fase early stage e si iniziavano a vedere i primi seri round di investimento. Sono arrivato a TransferWise dopo il series C e dopo la valutazione di 1B $, non che conti nulla essere un unicorno ma provava che molte startup in fintech erano nate per rimanere. In particolare dopo un’esperienza nel mondo corporate ho trovato attraente il modo di operare basato su team autonomi che ci permette tuttora di avere impatto reale e grande velocità’ di esecuzione. 

FT: In Transferwise dal 2015, quanti dipendenti eravate 5 anni fa rispetto ad oggi, cos’è cambiato da allora?

Nel 2015 TransferWise contava già circa 500 dipendenti tra i vari uffici tenendo conto operation e customer support ma a Londra eravamo circa 70-80 persone mentre ora siamo più di 2.200 con 14 uffici nel mondo.

Il mio team era inizialmente composto da me più tre full stack developers mentre oggi sono responsabile di 5 teams parte del nostro growth team per un totale di circa 40 persone distribuite su tre uffici. Diciamo che siamo abituati a crescere di continuo, anche durante questo periodo di pandemia non abbiamo fermato assunzioni e tutt’ora abbiamo circa 750 ruoli da coprire nei prossimi sei mesi. 

A livello di cultura aziendale poco è cambiato, dedichiamo molto tempo durante colloqui ad assicurarci che ogni singola persona abbia gli stessi valori e sia interessata risolvere la nostra mission aziendale – costruire un mondo dove il denaro non ha frontiere. Ovvio poi ci sono sfide di scaling ma niente di così impossibile da risolvere. Idem per la consapevolezza di operare preservando il valore che abbiamo creato a nostri clienti, continuare ad innovare e crescere agli stessi ritmi di quando avevamo un decimo dei clienti attuali. Personalmente la sfida più grande è di rimanere nei dettagli nonostante il mio ruolo sia sempre più quello di seguire vari teams e team leads ma la nostra cultura di autonomia aiuta a lasciarmi spazi in cui posso eseguire di progetti personali per dar vita a nuove opportunità.

Scaling organic growth by building products – Turing Fest 2018 from Fabrizio Ballarini

FT: Il tuo ruolo è uno dei più richiesti nel settore, che tipo di formazione serve per occuparsi di growth e customer acquisition?

Qualsiasi tipo di formazione tecnica è di certo utile ma al tempo stesso non penso ci sia un unico percorso ideale, particolarmente al giorno d’oggi dove formazione tradizionale è piuttosto in difficoltà a tenere il passo dei cambiamenti che avvengono sul web. Ogni giorno ci sono numerosi aggiornamenti che non saranno catturati da corsi di studio tradizionali. Al tempo stesso sono nate molte nuove risorse online dove ci si può documentare e apprendere in continuazione. Più che una certa formazione penso sia essenziale imparare come tenersi aggiornati regolarmente. Nei nostri teams abbiamo professionisti con formazioni varie e cerchiamo sempre di dare valore a tale diversita’. Inoltre a differenza di quanto noto in Italia (da osservatore esterno avendo sempre lavorato nel Regno Unito), a livello internazionale si tende a dare più peso all’esperienza lavorativa piuttosto che alla formazione quando si tratta di growth. Un giovane che ha fatto esperienza anche con un semplice sito personale o small business online è più interessante dal punto di vista professionale di chi ha seguito il corso di studi ideale senza aver praticato in prima persona. Non penso ci sia alcuna barriera d’ingresso e la domanda è tale da dare a tutti opportunità. Detto questo, e’ vero che certe figure in growth con esperienza in startup in forte crescita sono abbastanza rare nel mercato, ma penso sia principalmente dato dal fatto che tali aziende sono poche.   

FT: Cosa significa lavorare per uno dei principali unicorni fintech europei?

Troppo messaggi su LinkedIn che eviterei volentieri, ma al tempo stesso mi è capitato di conoscere un sacco di nuove realtà’ interessanti. Parte perchè ex colleghi di TransferWise ora hanno fondato varie compagnie di successo ma anche perché tramite i nostri VCs e conoscenze dell’ecosistema capita di essere introdotti a varie startup fintech. Giusto per tenermi fresco su diversi settori cerco di passare qualche ora al mese con startup early stage come advisor. A parte l’esposizione a cui si e’ sottoposti non penso che sia affatto essenziale lavorare ad un unicorno per poter avere una buona esperienza in fintech. Ovviamente il livello di investimenti può influenzare la velocità di crescita ma come abbiamo visto negli scorsi 2-3 anni avere soldi illimitati non è sempre un bene, e spesso porta aziende a fare scelte sbagliate o bruciare inutilmente denaro. TransferWise è si un unicorno ma genera profitti dal 2017 pur mantenendo i livelli di forte crescita degli anni passati. 

FT: Quali pensi che siano i trend più rilevanti nel fintech per i prossimi 12 mesi?

Essendo nel settore capita di essere meno affascinato da certi trend più palesi ai consumatori specie se sono solo mirati a crescita a breve termine ma piuttosto da eventi importanti che avranno forti ripercussioni future. 

Un trend che continua e continuerà è quello di fare un-bundling di prodotti e posizionamento con freemium model per attirare crescita a breve termine. Questo tipo di fenomeno crea vantaggi immediati al consumatore finale che riesce accedere a nuovi servizi a prezzi competitivi ma a lungo andare porterà svantaggi perchè non sostenibile. Questo non è nuovo, almeno in UK dove banche offrono da sempre conti correnti e operazioni a costo zero per poi vendere altri prodotti pur sapendo che questi servizi comportano costi. Stesso vale per fintech dove il consumatore viene spesso incentivato da prezzi competitivi a breve termine non sapendo poi che sotto non e’ detto che ci sia innovazione che ha permesso cio e che prima o poi l’azienda dovrà trovare il modo di recuperare i costi. Per questo motivo, il nostro growth team investe molto nel costruire strumenti di comparazione costi e raccolta dati su commissioni effettive dei vari operatori al punto che all’interno di TranferWise offriamo un servizio di compara prezzi raccomandando altre aziende qualora competitive nell’interesse del consumatore, al posto di vendere l’illusione di servizi gratuiti che poi hanno commissioni nascoste. Fintech ha fatto e sta facendo molto dal punto di vista della trasparenza rispetto a istituzioni tradizionali ma non tutti i player sono così rigidi quando si tratta di comunicare in modo trasparente costi che potrebbero impattare la propria crescita. 

Più interessante dal mio punto di vista sono quei cambiamenti epocali dal punto di vista di licenze e infrastruttura che spesso sono distanti dal consumatore finale ma che a lungo termine porteranno benefici enormi all’ecosistema e ai consumatori. Per esempio, il Fast Payment Scheme qui nel Regno Unito a cui abbiamo aderito come prima non-banca ci permette di connettere direttamente alla Bank of England tagliando costi ma anche offrendoci la possibilità di effettuare pagamenti istantanei. Stesso vale per open banking (anche se al momento è immaturo) e altre tecnologie capaci di migliorare il servizio al consumatore finale. Qui sta a noi nel settore a far chiarezza e spiegare in modo semplice ai consumatori quali tecnologie aiutano e quali no. Cercando di non cavalcare solo ciò che fa notizia, ma focalizzandosi su benefici reali ai clienti. 

FT: Ti sentiresti di consigliare un’esperienza in una start-up fintech a un giovane che ha appena completato gli studi o consigli prima un’esperienza in una grande corporation?

Penso dipenda molto dal ruolo a cui una persona è interessata. Capire in base a cosa si vuole imparare se è più importante avere una formazione più strutturata piuttosto che non. Io per esempio son passato da consulenza a clienti corporate a TransferWise in una fase di scale up, il che ha funzionato. Passare ad una early stage startup sarebbe stato meno naturale per me. Al tempo stesso essere a contatto diretto e avere impatto diretto su problemi come potrebbe avvenire in una startup early stage da molti vantaggi e permette di crescere velocemente. Abbiamo diversi ruoli dove impieghiamo personale da formare e investiamo in formazione mentre altri dove è richiesta più autonomia ed esperienza che fino ad oggi è venuta da grandi corporations. Inoltre, al giorno d’oggi è possibile fare esperienza in startup di fintech più strutturate come TransferWise per poi passare ad altre realtà early stage. Ex colleghi di TransferWise hanno lanciato varie startup che stanno facendo bene, hanno ricevuto i primi investimenti e stanno scalando. Più l’ecosistema cresce, più tutti ricevono benefici e vengono a crearsi nuove opportunità anche per chi è all’inizio del proprio percorso professionale. 

Categorie
Blog

ALESSANDRO RAVANETTI, FINTECH COPYWRITER E CONTENT STRATEGIST

FT: Ci potresti raccontare il tuo percorso professionale, come sei arrivato al fintech?

Il mio percorso è iniziato da Londra, dove ho fatto un master in finanza (concluso in piena crisi finanziaria del 2008!) e le mie prime esperienze professionali. Inizialmente ho lavorato per Bloomberg, che può essere considerata a tutti gli effetti una fintech ante litteram, e con varie società di consulenza. 

Essendo però sempre stato attratto da tecnologia e startups ho poi deciso di unirmi a una delle prime piattaforme di equity crowdfunding in Europa e successivamente creare uno spin-off di questa, per co-fondare una società B2B con cui si forniva l’infrastruttura API per creare altre piattaforme fintech. 

Un periodo che per me è durato sette anni, in cui sono stato responsabile di gestire marketing e comunicazione, e tramite cui abbiamo permesso di lanciare oltre 100 piattaforme in diversi paesi. Avventura senz’altro formativa e interessante, ma da cui ho anche imparato che se a un certo punto capisci che non c’è sintonia di vedute su come sviluppare la società e su alcuni valori di base, è meglio che ognuno continui per la propria strada. Concluso quel capitolo, negli ultimi due anni ho iniziato a collaborare con varie startup e altre aziende che operano nel settore.

FT: Di cosa ti stai occupando in questo periodo?

Sto lavorando su vari fronti. Principalmente mi occupo di copywriting e content strategy come freelance e lo faccio da Barcellona. Il progetto che mi sta assorbendo di più è con Enel X. Trovo molto interessante che una realtà così importante abbia deciso di entrare nel fintech con un progetto ambizioso, sia lato consumer, con una soluzione di mobile banking rappresentata da Enel X Pay, che lato business, con soluzioni di payment technology per le imprese. Con il piano di andare a sviluppare tutta una serie di servizi finanziari digitali integrati con l’ecosistema Enel. 

Creazione di contenuti a parte, collaboro anche come esperto per la valutazione di richieste di finanziamento con vari programmi collegati alla Commissione Europea, oltre ad aiutare la selezione delle startup più promettenti per SXSW, e a curare una newsletter settimanale con Techstars, in cui copro novità e approfondimenti riguardanti il fintech.

FT: Quali sono dal tuo punto di vista le peculiarità dell’ecosistema fintech italiano rispetto agli altri hub europei?

In Italia si è partiti più tardi e con meno decisione che altrove. E’ un ecosistema ancora piuttosto piccolo. Meno sviluppato rispetto a quello di Germania e Francia, e per il momento non paragonabile rispetto a quello in UK, che rimane di gran lunga il più avanzato in Europa. Detto ciò negli ultimi anni si sono viste varie storie di successo che fanno ben sperare. Si tratta senz’altro di un mercato meno saturo, con un buon potenziale, dove c’è spazio per nuove iniziative. E dove le valutazioni delle startup rimangono per il momento più basse, con la possibilità di rappresentare una buona occasione per chi è interessato a investire. In sostanza, le opportunità ci sono, la speranza é che ora si inizi a pensare più in grande.

FT: Vista la tua esperienza nel il fintech quali pensi siano i trend che spingeranno il settore nel 2021? 

Sempre difficile fare delle previsioni, ma provo a indicare alcuni punti: 

Continueremo a vedere gli effetti spinti da quanto accaduto nell’ultimo anno a livello sanitario. Sempre più cashless, con soluzioni digitali per i pagamenti e per la gestione delle spese quotidiane, più ricche e sofisticate.

Si continuerà forte anche sul tema dell’embedded finance e della modularizzazione dei servizi finanziari. Con sempre più aziende, che siano Big Tech o grandi corporations operanti in settori tradizionali, che cercheranno di entrare nel settore, integrando nella loro offerta servizi finanziari usando la tecnologia e i prodotti di società fintech.

Mi aspetto poi un’ulteriore accelerazione sia per quel che riguarda le attività di M&A, che per SPAC IPOs e mega-rounds. Con la polarizzazione tra round di finanziamento piccoli e quelli sopra i €100 milioni. E la conseguente controindicazione di creare un gap per chi deve scalare con round medi.

Mi auguro poi più attenzione per quel che riguarda l’inclusione finanziaria. Con la speranza anche di vedere nascere più startup purpose driven. Più focalizzate a risolvere problemi reali e ad ambire a creare un sistema finanziario più trasparente e aperto. Con maggior focus su qualità del prodotto, felicità e salute mentale del gruppo di lavoro, ed etica dei progetti intrapresi. E meno ossessione su crescita, funding e exit.

FT: Ti sentiresti di consigliare un’esperienza in una start-up fintech a un giovane che ha appena completato gli studi o consigli prima un’esperienza in una grande corporation?

È un grande “dipende”. Prima di tutto da cosa si cerca a livello personale, ma anche dalla situazione di partenza e dalle opportunità che si presentano. Nella scelta credo comunque abbiano maggior peso le persone con cui si lavora rispetto alle dimensioni della società. Ci sono poi vantaggi e svantaggi in entrambi i casi. Non penso però sia troppo utile seguire i consigli di altri, ma invece sperimentare,  guardare con curiosità entrambi i mondi, e cercare di capire quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere.

Categorie
Blog

PAOLO GIOLITO, SENIOR WEALTH MANAGER E ANGEL INVESTOR

FT: Ci potresti raccontare il tuo percorso professionale?

Dopo la laurea in Economia e Commercio ho iniziato a lavorare in Wealth Management per alcuni tra i più importanti gruppi internazionali, seguendo lo sviluppo della struttura commerciale in Italia e lavorando a progetti normativi e regolamentari. Ho nel frattempo iniziato a seguire programmi di mentorship, riprendendo uno dei miei “sogni nel cassetto”: fare coaching e formazione. Nel corso degli ultimi 8 anni il confronto con mondo universitario, acceleratori e fondi Venture si e’ fatto più articolato e intenso, fino ad assorbire completamente tutto il tempo libero a disposizione. Attualmente collaboro anche con LeVillage a Milano, un modello di ecosistema nato in Francia (con più di 30 realtà operanti) e portato con successo in Italia, che mette in contatto big corporate, enabler e ovviamente startup.

FT: Cosa ti ha spinto a diventare Business Angel?

Credo molto nel concetto di “give-back”, concetto anglosassone ma sempre più adottato anche in Italia, che consiste essenzialmente nel poter restituire alla comunità qualcosa che noi abbiamo avuto fortuna e merito di aver ricevuto. L’idea di poter mettere a denominatore comune l’esperienza fatta lavorando a stretto contatto con imprenditori su diverse verticali, oltre ad una forte curiosità nei confronti di tutto quello che è innovazione si sono concretizzati qualche anno fa con l’adesione al primo gruppo di Business Angel. Avevo già maturato una discreta conoscenza dell’attività di un Angel in Usa e UK, e mi ha fatto piacere conoscere una realtà composta da professionisti che condividevano le mie idee e volevano in termini concreti dare un contributo allo sviluppo del nostro paese. Dico questo per chiarire un concetto essenziale: fare il business angel non vuol dire solo ricoprire la figura dell’investitore finanziario in progetti early stage, ma offrire quello che il MISE ha definito recentemente “smart money”, ovvero un rafforzamento del sistema delle start-up innovative italiane sostenendole nella realizzazione di progetti di sviluppo e facilitandone l’incontro con l’ecosistema dell’innovazione.

FT: Secondo la tua esperienza, qual è il modo più efficace di attrarre capitali per le startup?

I metodi per attrarre capitali sono diversi, e più o meno attivabili tutti a seconda della maturità della startup: round family&friends, Crowdfunding, Angel Investing, Venture Capital etc … senza dimenticare ovviamente i vari bandi o l’accesso a finanziamenti garantiti. Ritengo che non esista un canale per definizione più efficace, il migliore e’ comunque quello che riesce a garantire un equilibrio fra la qualità e la quantità dei mezzi raccolti. Una startup early stage necessiterà di importi che aiutino a validare l’idea, sperimentare il modello e iniziare a fare revenues, una in uno stadio più avanzato punterà alla scalabilità del business e ad un tem più completo. L’importante è ricordarsi sempre che raccogliere capitale in un equity round vuol dire aprire il proprio progetto a terzi, i quali avranno poi aspettative che non devono essere disattese, a rischio di non riuscire a finanziare la crescita in momenti successivi.

FT: Vista la tua specializzazione nel il fintech quali pensi siano i trend che spingeranno il settore nel 2021?

Il settore finanziario ha da tempo sperimentato la portata dell’innovazione. Basti pensare ai primi sistemi di robo-advisory, software progettati per la consulenza finanziaria e la gestione degli investimenti tramite algoritmi, nati nei primi anni duemila negli Stati Uniti. Da allora la tecnologia e’ stata utilizzata per ottimizzare flussi, ridurre i costi delle transazioni, creare modelli di contenimento del rischio e migliorare gli aspetti documentali. L’avvento di nuove tecnologie (in primis blockchain) e importanti novità normative (PS2D, Mifid) di sicuro creerà nuove funzionalità, fino ad ora non considerate, e spazio a sempre più nuovi player di mercato: si pensi al recente sviluppo delle Challenger Bank o alla DeFi (Finanza Decentralizzata, forma sperimentale di sistema finanziario che non si basa su intermediari centrali “tradizionali” come broker, exchange o banche e utilizza invece smart contract sulla blockchain)

FT: Ti sentiresti di consigliare un’esperienza in una start-up fintech a un giovane che ha appena completato gli studi o consigli prima un’esperienza in una grande corporation?

Lavorare in una start-up richiede una buona capacità imprenditoriale, con un elevato rischio di potenziale insuccesso. Ed essere bravi imprenditori e’ una qualità che si impara con una buona esperienza. La grande corporation, da questo punto di vista, può anche rappresentare un’ottima palestra e continuazione di quanto appreso durante gli studi accademici. Ma una volta acquisite le hard skills e affinate le soft skills penso che sia una bellissima sfida iniziare a lavorare in ambito fintech per una startup.

Categorie
Blog

TENDENCIAS FINTECH DE 2021 SEGÚN FINTECH TITANS

No podíamos empezar este año sin hablar de las tendencias fintech de 2021.

Llevamos varios años hablando de las fintech y en el 2020 las “finanzas tecnológicas” han demostrado su gran valor y potencial.

Este año, que como sabemos nos ha alejado físicamente, ha puesto en evidencia la necesidad de soluciones tecnológicas aplicadas a un mundo financiero históricamente reticente al cambio.

Así que es hora de hacer un balance y compartir las que creemos que son las 5 tendencias fintech para 2021.

1) Tendencias Fintech 2021: El auge de los sistemas de pago

Las compras online se han convertido en la norma y el año 2020 ha hecho explotar el sector de forma exponencial, el contactless y el código QR representan ya el futuro de los pagos.

Cabe destacar el cierre de una ronda de 93 millones de euros en noviembre por parte de Satispay (una empresa italiana), en la que participaron Square inc y Tencent.

Otra prueba de que se trata de un sector de rápido crecimiento, por si hiciera falta, es el hecho de que empresas como Enel X (Endesa X) han empezado a invertir en este vertical para desarrollar su propio sistema de pago.

2) Préstamos digital y big data (lending as a service)

Cada vez será más importante saber cómo se comporta una empresa para poder conceder un crédito mejor y más oportuno.

Conocer el historial de tesorería de una empresa será la clave para conceder un crédito.

En este sentido, los big data y la integración que aporta el open banking a través de las APIs de las plataformas que se encargarán de esta actividad se vuelven cruciales. Seguirán la trayectoria de las empresas para conocer su rendimiento y evitar el riesgo de impago de la deuda.  

3) Inversión en Deeptech

Deeptech es un término que recoge diferentes tecnologías que serán revolucionarias en el ámbito fintech, entre las muchas que hay mencionamos:

  • La inteligencia artificial, aplicada a las finanzas, podría conducir a la eliminación de errores en los procedimientos bancarios. En el Insurtech, por ejemplo, gracias a la ayuda del Big Data, se podrían reducir los errores en las previsiones de riesgo, con una importante ventaja en el coste de las primas para el cliente final.
  • El blockchain aplicado en el ámbito de los pagos para hacer las transacciones cada vez más seguras y transparentes, con una mejora en la trazabilidad de los movimientos de dinero a través de cuentas y monederos.

La cuna de la deeptech se encuentra en Israel, basta con mirar el mapa de la deeptech del ecosistema israelí para ver la existencia de más de 150 realidades.

trend fintech 2021

4) Enfoque en Regtech

Regtech coincide con el uso por parte de las empresas de herramientas tecnológicas para apoyar los procedimientos de compliance, conformidad y respeto de las normas y reglamentos.

En este sentido, recordaremos cómo ya en 2015 las Regtech fueron identificadas, por primera vez, por el regulador británico FCA (Financial Conduct Authority) como:

“Un subconjunto de fintech que se centra en las tecnologías que pueden facilitar el cumplimiento de los requisitos normativos de forma más eficiente y eficaz de lo que ya es el caso”.

En un mundo como el de las finanzas, hecho de regulaciones y ahora más que nunca de tecnología, el Regtech sólo puede ser una tendencia que crecerá en paralelo.

5) Tendencias Fintech 2021: Wealthtech

¿Puede uno de los sectores más intensivos en recursos humanos del mercado dar espacio a la tecnología? En nuestra opinión, y no sólo en la nuestra, sí.

trend fintech 2021

Esto no significa que el ser humano vaya a ser suplantado por la tecnología, sino que será de gran ayuda en la gestión de las inversiones.

La tecnología que más está llamando la atención es el robo-advisor. Por citar un dato: los activos gestionados por el robo-advisory han registrado un x 2,5 desde 2018 hasta la fecha.

Para las empresas de gestión de patrimonios, esto supone una importante reducción de los costes de las comisiones. Una variable que se encuentra cada vez más bajo la lupa de generaciones como los milenials y  generación Z, futuras poseedoras del capital.

Conclusiones

Para terminar, nos gustaría lanzar un deseo. Se ha hablado mucho de las tecnologías financieras en los últimos años, pero las necesidades y los problemas que pueden satisfacerse y solucionarse respectivamente con las tecnologías financieras nunca habían salido a la luz.

Entre los grandes retos del sector está la colaboración entre las fintech y los bancos, pero sobre todo la colaboración entre los actores del mercado financiero a través de la creación de consorcios fintech y gracias al trabajo de las asociaciones.

Sólo remando en la misma dirección será posible impulsar el sector hacia una fase sucesiva y ciertamente más madura.

Categorie
Blog

I 5 TREND FINTECH DEL 2021 SECONDO FINTECH TITANS

Non potevamo che iniziare il nuovo anno parlando dei trend fintech del 2021

Si parla da diversi anni di fintech e nel 2020 la “finanza tecnologica” ha dato prova che, quello che era solo un settore ad alto potenziale, ha mostrato il suo vero valore.

Quest’anno, che come sappiamo ci ha distanziato fisicamente, ha fatto emergere necessità di soluzioni tecnologiche applicate a un mondo finanziario storicamente reticente al cambiamento. 

É arrivato quindi il momento di tirare le somme e condividere quelli che secondo noi si prospettano essere i 5 trend fintech nel 2021.

1) Trend Fintech 2021: L’ascesa dei sistemi di pagamento

Gli acquisti on line sono diventati ormai la prassi e il 2020 ha fatto esplodere esponenzialmente il settore, contactless e QR code rappresentano il futuro dei pagamenti.

Nota di merito è la chiusura di un round da 93 milioni di Euro in novembre da parte di Satispay (società italiana), al quale hanno partecipato Square inc e Tencent

Altra prova del fatto che si tratti di un settore in forte crescita, se ne servissero ancora, è il fatto che aziende come Enel X hanno iniziato ad investire in questa verticale per sviluppare il proprio sistema di pagamento. 

2) Digital lending e big data (lending as a service)

Per le banche diventerà sempre più importante conoscere il modo in cui si comporta un’impresa per poter erogare meglio e in maniera puntuale il credito.

Conoscere i trascorsi di un’impresa in termini di cash flow sarà la chiave per l’erogazione del credito.

A questo proposito diventano fondamentali i big data e l’integrazione portata dall’open banking tramite le API di piattaforme che si occuperanno di quest’attività. Seguiranno il percorso delle imprese per capirne l’andamento ed evitare il rischio di default e non pagamento del debito.   

3) Investimenti in Deeptech

Deeptech è un termine che raccoglie diverse e varie tecnologie che saranno rivoluzionarie in ambito fintech, tra le tante citiamo: 

  • L’intelligenza artificiale, che applicata alla finanza potrebbe portare all’eliminazione degli errori nelle procedure bancarie. Nell’Insurtech, ad esempio, grazie all’ausilio dei Big Data nell’elaborazione delle informazioni si potranno ridurre gli errori nelle previsioni di rischio, con un notevole vantaggio in termini di costi del premio per il cliente finale. 
  • La blockchain applicata in ambito pagamenti per rendere le transazioni sempre più sicure e trasparenti, con un miglioramento della tracciabilità dei movimenti di denaro attraverso conti e wallet.

Ad oggi la culla del deeptech si trova in Israele, basta infatti osservare la mappa Deeptech dell’ecosistema israeliano per constatare l’esistenza di oltre 150 realtà.

4) Luci puntate sul Regtech

Il Regtech coincide con l’impiego da parte delle aziende di strumenti tecnologici a supporto delle procedure di adeguamento, conformità e rispetto di norme e regolamenti.

A tal proposito ricorderemo come già nel 2015 il Regtech sia stato identificato, per la prima volta, dal regolatore inglese FCA (Financial Conduct Authority) come:

“Un sottoinsieme del fintech che si concentra su tecnologie che possono facilitare l’erogazione di requisiti normativi in modo più efficiente ed efficace di quanto già succeda”.

In un mondo come quello della finanza, fatto di regole e oggi più che mai di tecnologia, il Regtech non può che essere un trend che crescerà in parallelo. 

5. Trend Fintech 2021: Wealthtech

Può uno dei settori più human intensive del mercato dare spazio alla tecnologia? Secondo noi, e non solo, si.

Questo non vuol dire che l’uomo verrà soppiantato dalla tecnologia, ma più che altro aiutato nella gestione degli investimenti. 

La tecnologia che più si sta facendo notare è il robo advisory. Per citare un dato su tutti: le masse gestite da robo-advisory hanno fatto registrare un x 2.5 dal 2018 ad oggi. 

Per le società di wealth management significa una riduzione significativa dei costi di commissione. Una variable sempre più sotto la lente d’ingrandimento da parte delle generazioni millennials, futuri detentori di capitali.

Ricordiamo che in Italia il trend ha visto la nascita di due società che si occupano di questo: Moneyfarm e Euclidea.  

Conclusioni

Per concludere vorremmo lasciarci con un auspicio. Si è parlato tanto di fintech in questi ultimi anni ma non si erano mai realmente palesate le necessità e i problemi che possono essere rispettivamente soddisfatte e risolte dal fintech.

Tra le grandi sfide del settore la collaborazione tra fintech e banche, ma soprattutto la collaborazione tra i player del mercato finanziario attraverso la creazione di consorzi fintech e grazie al lavoro delle associazioni.

Solo remando nella stessa direzione sarà possibile spingere il settore in una fase successiva e sicuramente più matura. 

Categorie
Blog

10 CONSIGLI AI GIOVANI DA 10 FINTECH EXECUTIVES

Durante il 2020 abbiamo intervistato decine di professionisti del settore Fintech in Italia. Ad ognungo di loro abbiamo rivolto la stessa domanda sotto forma di consiglio per i più giovani.

La domanda corrisponde ad un quesito che spesso ci viene posto da parte dei neolaureati che non sanno come avvicinarsi al mondo della finanza, oggi più che mai è contaminato dalla tecnologia: 

“Ti sentiresti di consigliare un’esperienza in una start-up fintech a un giovane che appena completato gli studi o consigli prima un’esperienza in una grande corporation?”

Queste sono le risposte dalle 10 interviste più lette del 2020:

ADRIANO GERARDELLI, DIRECTOR AT PWC ITALY

Fintech e corporation, essendo realtà integrate e non solo complementari, risentono ognuna dell’influenza reciproca dell’altra, condizionandosi a vicenda ed evolvendosi nel continuo. Pertanto, l’ingresso di un giovane laureato nella prima o nella seconda, in nessun caso precluderebbe di attingere agli stimoli ed impulsi offerti dall’altra, in virtù della relazione fluida esistente tra le due. È tuttavia innegabile che entrambe le realtà offrano esperienze formative basate sul core-business e sulla struttura che le caratterizzano: lavorare in un’azienda di grandi dimensioni permette da subito di comprendere le principali dinamiche che la governano ed il settore in cui opera, acquisendo una visione macro del mercato di appartenenza. Allo stesso modo, il settore del Fintech, caratterizzato da estrema dinamicità e continua evoluzione, può risultare tanto accattivante quanto formativo per i giovani, offrendo loro la possibilità di approfondire ambiti legati all’innovazione e alla trasformazione digitale, in linea con il trend attuale e che, da ultimo, costituiranno i capisaldi dell’evoluzione del mercato nei prossimi anni.

ANTONIO LA MURA, COUNTRY MANAGER ITALY AT FINOM

Più che l’azienda, quel che mi sentirei di suggerire è lavorare all’interno di un progetto nuovo e sfidante, e in linea con le proprie ambizioni. Nel mercato ci sono aziende di pochi mesi che sono gestite con processi iper strutturati e realtà con più di 100 anni che hanno invece ancora la stessa agilità e ambizione di una startup. Per questo motivo suggerirei di concentrarsi più sul lavoro che si andrà davvero a fare, sulle persone con le quali si andrà a collaborare, a quanto si può imparare e sull’impatto che questo progetto può avere sulla propria crescita personale.

Che il tuo lavoro sia in una startup o in una corporation, per poter avere successo hai bisogno di coraggio, curiosità e resilienza. Se trovi il progetto giusto e convincente, allora sarà quella la scelta migliore.

CARLO GUALANDRI, FOUNDER E CEO DI SOLDO

Dipende totalmente dalla qualità dell’opportunità e dell’esperienza che può fare. Un ragazzo dovrebbe sempre ragionare su come investire per imparare di più e aumentare il proprio valore, soprattutto quando è giovane e non ha ancora vincoli. 

Le possibilità migliori potrebbero venire sia dal mondo fintech che dal mondo della finanza classica ma la valutazione deve essere fatta in modo molto oggettivo.

FAUSTO MAGLIA, CHIEF PRODUCT OFFICER DI CASAVO

Limito la riflessione a chi, come me, ha sempre avuto una passione per il mondo tech senza però voler essere uno sviluppatore. Nel mio caso, l’interesse per il business era troppo forte per dedicarmi totalmente allo sviluppo software, anche se sono stato tentato.

Il consiglio principale è di leggere ciò che offre la letteratura: Clayton M. Christensen, Nir Eyal, Eric Ries, Marty Cagan e gli autori di “Play Bigger” sono i primi nomi che suggerirei. Consiglio poi, se non si ha la possibilità di seguire un percorso di carriera chiaro (non ci sono molte Google o Netflix qui da noi), di attivare dei side project per poter fare esperienza, e di fare magari un’esperienza all’estero nei grandi hub di innovazione digitale (Londra, Berlino, Amsterdam, Parigi ma recentemente anche Barcellona).

Il consiglio principale però è di non lasciarsi troppo affascinare da chi racconta le storie “romanzate” di startup di successo, perché si rischia di unirsi alla schiera di storyteller che l’innovazione la narrano soltanto. Come tutti gli altri percorsi anche quello nel mondo tech è in salita ed estremamente serio, e c’è bisogno di persone che abbiano voglia di apprendere, essere visionarie, ma che poi sappiano concretizzare tutto con razionalità.

FEDERICO ROESLER FRANZ, COUNTRY MANAGER ITALY AT RAISIN

Questo dipende dagli obiettivi personali, ma avere esperienza da entrambe le parti – in una startup o in un’azienda più tradizionale – è enormemente utile per comprendere le diverse esigenze, risorse e culture delle aziende più grandi e più vecchie rispetto a quelle più nuove e più agili. Chi lascia gli studi può anche notare che l’una o l’altra cultura si adatta meglio alla propria personalità: le startup fintech hanno spesso gerarchie flat e processi più semplici, e lavorare in una di esse può significare aiutare a costruire l’azienda dalle fondamenta e pensare fuori dagli schemi. Allo stesso tempo, lavorare in una grande azienda può significare imparare come un’azienda già di successo fa le cose, acquisendo esperienza con processi e strutture di team molto più complessi. 

FEDERICO SFORZA, CEO & CO-FOUNDER AT AIDEXA

Assolutamente si, soprattutto se il talento ha voglia di affermarsi e di far accadere le cose. Negli ultimi mesi abbiamo attratto tra gli AideXer diversi talenti giovanissimi, provenienti direttamente dal mondo universitario: il valore che stanno contribuendo è sorprendente. Da un lato, le opportunità che hanno di crescere in un’organizzazione “flat” come la nostra, dove c’è tantissimo da fare e la responsabilità è “di chi se la prende” sono infinite. Dall’altro, possono essere giornalmente affiancati da competenze ed esperienza, sia nel mondo tecnologico che nel mondo bancario, che le supportano al momento del bisogno nella crescita, che avviene in modo accelerato. Ancora più importante: siamo persone prima di azienda, che hanno condiviso valori forti come l’imprenditorialità, l’innovazione, la velocità, la passione e l’entusiasmo. In questo ambiente, il talento può crescere, svilupparsi e “shape the future” immediatamente, anche del paese.

MARCO MASOTTO,  HEAD OF SECURITISATION PLATFORM AT CARDO AI

Le grandi corporation offrono senz’altro dei percorsi di inserimento e crescita strutturati con delle esperienze di apprendimento definite che permettono di crearsi delle conoscenze specifiche molto solide ed in tempi brevi. In una start-up invece bisogna costruirsi il proprio percorso mentre si costruisce l’azienda e non è cosa per tutti. Lavorare in un ambiente poco strutturato, anche se ha degli svantaggi, ti porta a dover prendere decisioni in ogni momento (con le conseguenti responsabilità) ma allo stesso ti mette in “presa diretta” con il risultato del tuo lavoro.

Se si è pronti ad accettare le sfide, impegnarsi a fondo per migliorare il prodotto e se stessi, le start-up offrono opportunità uniche per imparare cosa serve a realizzare qualcosa. 

Bisogna però stare attenti a scegliere dei progetti credibili portati avanti da team solidi, che siano in grado di mettere insieme vision ed execution, avendo allo stesso tempo la capacità di trasmettere valori e competenze ai propri collaboratori. 

NICCOLÒ PRAVETTONI, COUNTRY MANAGER ITALY AT CROWDESTATE

Sono convinto che entrambe possano essere delle esperienze molto formative. La grande azienda insegna ad avere un metodo di lavoro strutturato e a seguire dei processi ben definiti. Dall’altra parte, lavorare in una startup fintech, è molto diverso. Gli obiettivi possono cambiare anche a distanza di giorni ed è necessario riuscire ad adattarsi velocemente al cambiamento. Ci sono però grandi opportunità di crescita e di fare la differenza sin da subito. Per un giovane che si affaccia al mondo del lavoro credo possa essere un’opportunità molto stimolante! 

ROMI FUKE, FONDATORE DI IN-LIRE

Il mio consiglio è di maturare prima delle esperienze nella finanza classica anche attraverso  ruoli specifici all’interno delle imprese. Bisogna capire le dinamiche economico finanziarie reali e quindi le necessità del mercato, per avere l’intuizione realmente di successo. Molte idee purtroppo hanno poca aderenza con la realtà. Inoltre non basta la buona idea per lanciare una nuova impresa, spesso chi ha le idee non ha capacità imprenditoriale. Lo vediamo anche nel nostro settore con modelli che bruciano continuamente cassa.

STEFANO ROSSI, COUNTRY MANAGER DI LITA.CO ITALIA

Potendo scegliere, suggerirei ad un neolaureato di cominciare la propria carriera in un’azienda strutturata che possa permettersi di investire nella formazione dei propri dipendenti. Avrebbe l’opportunità di crescere in un ambiente protetto, imparando dai propri superiori e confrontandosi con i colleghi. Lavorare in una startup è una splendida opportunità di vita che consiglio a tutti ma che richiede, da subito, un elevato grado di autonomia ed una buona base di competenze consolidate.

Categorie
Blog

FEDERICO ROESLER FRANZ, COUNTRY MANAGER ITALY AT RAISIN

FT: Ci potresti raccontare il tuo percorso professionale, come sei arrivato al Fintech?

Ho sempre lavorato nel mondo startup, e dopo una breve esperienza di internship a Londra, 10 anni fa ho iniziato la mia carriera in Bulsara Adverstising, una startup nel mondo media lanciata insieme ad altri ex colleghi dell’università, in cui ho lavorato fino al 2016.

Ho collaborato successivamente per una società di consulenza su un progetto digitale nel mondo bancario, e poi nel 2017 mi sono spostato a Berlino, iniziando a lavorare da Lesara come Direttore del Sud Europa. Ma ad essere sincero, per quanto fossi contento della posizione, il business non si è rivelato così interessante (si trattava di un e-commerce nel mondo fashion, l’azienda purtroppo è fallita in seguito), mi mancava il mondo bancario. Così appena si è aperta la possibilità di entrare a far parte del team italiano di N26, di cui ero già un cliente molto soddisfatto, come FTE n.2 non ci ho pensato due volte. È stata un’esperienza fantastica e in un anno siamo passati da 0 a 100k clienti nel mercato. Dopo circa un anno e mezzo sono entrato in Raisin.

Al momento da Raisin ricopro il duplice ruolo di Head of Banking Relationship Management e Country Manager Italy, quindi in primo luogo gestisco il team che si occupa dei progetti B2B direttamente con le 100 banche che fanno raccolta sulle nostre piattaforme europee, come l’espansione del loro business in nuovi mercati.

Il ruolo di Country Manager Italy si è aggiunto in parallelo successivamente, avendo seguito il progetto del nostro ingresso nel mercato italiano B2C grazie alla partnership con Banca Sella, e gli sviluppi futuri.

FT: Di cosa vi occupate in Raisin?

Raisin permette alle banche attive in Unione Europea di offrire i propri prodotti di deposito in un unico marketplace in diversi mercati (Germania, Austria, Olanda, Spagna, Irlanda, Francia, UK). Attraverso la piattaforma, i clienti possono confrontare i servizi e le soluzioni offerte e sottoscrivere i prodotti più adatti ai loro bisogni, dai conti vincolati ai conti liberi delle nostre banche partner, al momento più di 100 provenienti da 25 Paesi. Tra l’altro, l’Italia è il Paese più rappresentato con 14 banche presenti.

In questi 7 anni, abbiamo transato complessivamente 28 miliardi di euro.

FT: Cosa significa lavorare per uno dei principali unicorni fintech europei?

Non riveliamo la nostra valutazione, quindi non posso parlare specificatamente di unicorno. Cerchiamo davvero di rimanere concentrati sul valore che forniamo ai nostri clienti e ai nostri partner. Guardando al futuro, è molto emozionante e dinamico far parte di una giovane azienda di grande successo e partecipare così alla costruzione di partnership paneuropee con importanti player del nostro settore, aprendo nuovi orizzonti e scalando nello spazio innovativo della piattaforma e dell’open banking.

FT: Quali pensi che siano le prospettive future del fintech in Italia?

Mentre il settore bancario tradizionale in Italia ha una storia incredibilmente lunga, l’Italia sta abbracciando il digital banking da poco tempo relativamente, e di conseguenza le opportunità di open banking e fintech sono estremamente dinamiche, tra cui la nostra recente integrazione con Banca Sella. Facciamo parte di un ecosistema composto da tantissime realtà in diversi verticali, e anche alcune di quelle meno conosciute ad oggi lo faranno sicuramente parlare di loro nei prossimi anni.

L’Italia è stata a lungo un Paese di first mover e sarà lo stesso per il ruolo della grande espansione del fintech.

FT: Ti sentiresti di consigliare un’esperienza in una start-up fintech a un giovane che ha appena completato gli studi o consigli prima un’esperienza in una grande corporation?

Questo dipende dagli obiettivi personali, ma avere esperienza da entrambe le parti – in una startup o in un’azienda più tradizionale – è enormemente utile per comprendere le diverse esigenze, risorse e culture delle aziende più grandi e più vecchie rispetto a quelle più nuove e più agili. Chi lascia gli studi può anche notare che l’una o l’altra cultura si adatta meglio alla propria personalità: le startup fintech hanno spesso gerarchie flat e processi più semplici, e lavorare in una di esse può significare aiutare a costruire l’azienda dalle fondamenta e pensare fuori dagli schemi. Allo stesso tempo, lavorare in una grande azienda può significare imparare come un’azienda già di successo fa le cose, acquisendo esperienza con processi e strutture di team molto più complessi. 

Categorie
Blog

STEFANO ROSSI, COUNTRY MANAGER DI LITA.CO ITALIA

FT: Ci potresti raccontare il tuo percorso professionale, come sei arrivato al Fintech?

Dopo un’esperienza nella finanza d’investimento al termine del mio MBA presso l’HEC di Parigi, ho deciso di dedicarmi al mondo delle startup e dell’innovazione, specializzandomi in strumenti finanziari alternativi a sostegno dell’economia sostenibile.

Mi sono unito a LITA nel 2017, entrando nel team quando era ancora molto ristretto e contribuendo allo sviluppo internazionale del gruppo: prima da Parigi e poi da Torino e Milano ho diretto il setup ed il lancio di LITA.co Italia, che oggi coordino col ruolo di Country Manager.

FT: Di cosa vi occupate in Lita.co?

LITA.co è la prima piattaforma di crowdfunding in Europa specializzata in finanza di impatto. Da un lato ospitiamo progetti imprenditoriali sostenibili, con un impatto sulla società e l’ambiente che è positivo, misurabile e intenzionale. Dall’altro permettiamo a chiunque di investire, tramite la nostra piattaforma, in questi progetti imprenditoriali anche a partire da piccole somme (anche solo 100€), realizzando uno dei nostri principali obiettivi: la democratizzazione dell’impact investing. Tutte le aziende presentate su LITA rispettano criteri di sostenibilità economica, sociale o ambientale e contribuiscono al raggiungimento dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibili dell’Agenda 2030, che sono uno dei punti fondanti delle nostre attività di divulgazione per imprenditori e cittadini.

FT: Puoi farci un esempio di campagna che avete lanciato in Italia?

I settori di attività delle imprese che ospitiamo sul portale LITA.co Italia sono i più vari. Il punto fermo rimane sempre la sostenibilità, ambientale e sociale.

Quest’anno abbiamo ospitato la campagna di Humus, una startup innovativa di Cuneo che ha creato una piattaforma di job sharing per il settore agricolo, con la finalità di contrastare il ricorso delle imprese agricole al lavoro irregolare fornendo un contratto di lavoro stabile per i lavoratori.

Proprio in questi giorni stiamo chiudendo una campagna unica nel suo genere, che coniuga gli investimenti nel settore immobiliare con il social housing e la rigenerazione urbana: Homes4All è la startup innovativa e società Benefit di Torino che favorisce la rigenerazione urbana tramite investimenti immobiliari di una rete di investitori privati che hanno a cuore, oltre al rendimento economico, anche l’impatto sociale.

FT: Quale pensi sia la sfida per il mondo degli investimenti sostenibili nel prossimo futuro?

Questa categoria di investimenti è finora rimasta prerogativa dei grandi investitori istituzionali, il grande pubblico ne era escluso se non addirittura inconsapevole della sua esistenza. Negli ultimi mesi in Italia stiamo facendo passi importanti per colmare questo gap. La diffusione di questa sensibilità verso la sostenibilità in più ambiti rende ancora più necessaria l’esistenza di strumenti, come l’equity crowdfunding, utili per democratizzare l’approccio e i criteri della finanza sostenibile e responsabile, rendendola accessibile a tutti.

FT: Un’ultima domanda con la speranza che possa essere di aiuto alla community di FT, ti sentiresti di consigliare un’esperienza in una start-up fintech a un giovane che ha appena completato gli studi o consigli prima un’esperienza in una grande corporation?

Potendo scegliere, suggerirei ad un neolaureato di cominciare la propria carriera in un’azienda strutturata che possa permettersi di investire nella formazione dei propri dipendenti. Avrebbe l’opportunità di crescere in un ambiente protetto, imparando dai propri superiori e confrontandosi con i colleghi. Lavorare in una startup è una splendida opportunità di vita che consiglio a tutti ma che richiede, da subito, un elevato grado di autonomia ed una buona base di competenze consolidate.