Categorie
Blog

PARLIAMO DI BLOCKCHAIN CON SARA NOGGLER

FT: Partiamo da te, ci potresti raccontare il tuo percorso professionale? 

Arrivo dal mondo della  gestione del credito, folgorata ne 2015 da blockchain, dedico ormai da anni la mia attività allo studio e alla difussione di questa tecnlogia dalle grandi potenzialità trasformative.

Ho fondato nel 2018 un agenzia di comunicazione che si occupa di ufficio stampa e e pubbliche relazioni per Start Up, Corporate e Istituzioni con focus su blockchain e fintech Polyhedra, comunicare al meglio le nuove tecnolgie è fondamentale.

Sempre nel 2018 insieme ad alcuni partner ho fondato il primo Think Tank italiano dedicato a Blockchain: Distributed Minds.

FT: Di cosa vi occupate in Distributed Minds?

Distributed Minds è un think tank italiano indipendente con una visione globale che mira alla creazione di un ecosistema blockchain basato più sulla qualità e sull’adozione, dove inclusione, sostenibilità per il business e trasversalità siano reali e non solo parole.

Per farlo facilitiamo il dialogo tra le istuzioni, le aziende e i cittadini : organizziamo eventi, webinar e inerviste che diffondano ad aprono  un dibattito costruttivo intorno alle sfide della blockchain, dello sviluppo sostenibile e dell’inclusione, con l’obiettivo di proporre nuovi principi, strategie e soluzioni.

Il Think Tank opera con una visione globale e un approccio intersettoriale che esplora le sfide e le opportunità che emergono dalla progettazione, dall’uso e dalla governance delle tecnologie blockchain e DLT. 

Le soluzioni e le raccomandazioni politiche risultanti dal lavoro del Think Tank sono pensate per consentire agli stakeholder e alla politica di anticipare le sfide e sfruttare pienamente le opportunità dell’era digitale.

FT: Come membro della Steering Committee Blockchain di Assolombarda, come credi si stiano muovendo le istituzioni con rispetto alle tecnologie emergenti?

Le istituzioni si muovono, ma ancora a rilento e spesso vi sono tante iniziative frammentate che non riescono ad avere la giusta spinta.

Devono nascere politiche atte a sostenere la creazione di ecosistemi per massimizzare l’uitlizzo delle risorse. La piccola e media impresa italiana ha oggi il forte bisogno di un sostegno sistemico.

Occorre dare all’intero sistema produttivo un’occasione di crescita e sviluppo, mettendo a disposizione agevolazioni, che abbracciano diverse tematiche, che vedono finalmente l’utilizzo di diversi fondi che il Governo mette a disposizione del mondo imprenditoriale. 

FT: Qual è il tuo punto di vista sul futuro delle criptovalute?

Sinceramente penso che la rivoluzione che porteranno sulla nostra economia, sul mondo della finanza, delle banche e e dei pagamenti sarà di gran lunga maggiore di quello che immaginiamo.

Le criptovalute stanno diventando sempre più utilizzate a livello globale e italiano. Anche PayPal ha annunciato di accettare i bitcoin come moneta di pagamento, importante quindi analizzare la situazione attuale, i trend futuri e anche le collaborazioni del settore.

Abbiamo già iniziato a vedere piccole istituzioni entrare nello spazio delle criptovalute. In futuro potrebbe esserci l’ingresso nel settore di istituzioni finanziarie sempre più grandi e la maggior parte dei fondi manterrà una parte delle proprie attività in criptovalute.

FT: Infine vorremmo chiederti cosa consiglieresti a un giovane che vorrebbe avvicinarsi al mondo delle criptovalute? Come e dove formarsi e entrare in contatto con aziende del settore? 

Ci sono vari strumenti anche on line per avvicinarsi a questo mondo, i blog di alcuni esperti statunitensi sono molto interessanti , uno tra tutti che mi viene da citare è il Podcast di Anthony Pompliano.

E poi leggere tanto studiare, verificare e partecipare ai tanti eventi organizzati in Italia e nel mondo che ora sono on line, ma che presto riprenderanno fisici.

Diverse università italiane hanno introdotto corsi specifici su blockchain e criprovalute.

Auspico poi che sempre più ragazze siano attratte da questa tecnologia, dove ancora la presenza femminile è molto bassa. 

Poter contare su un numero più elevato di donne nell’ecosistema blockchain porterebbe ad una maggiore collaborazione e a una governance più attenta.

Categorie
Blog

QONTO, EL PRIMER NEOBANCO PARA EMPRESAS

Nueva reseña completa de la cuenta profesional Qonto, un instrumento ideal para las empresas que necesitan siempre más soluciones ágiles y rápidas para hacer crecer el negocio.

Quien haya pasado al menos una vez por el proceso de apertura de una cuenta corporativa, sabe cuánto tiempo se pierde en papeleo y lo difícil que es delegar el acceso si no es a través de interminables solicitudes y autenticaciones.

Además, es prácticamente imposible encontrar un banco tradicional que haya digitalizado sus procesos al 100%, para cualquier cosa hay que ir a la oficina y firmar documentos.

Registrarse en Qonto y utilizar los distintos servicios para gestionar las transferencias, los adeudos directos, las transferencias y los informes de gastos es un juego de niños. Además, una característica clave es que Qonto permite mejorar la gestión contable porque se puede integrar el sistema de contabilidad. Accesible tanto desde PC como desde el móvil. 

Factor de fundamental importancia, es que aunque Qonto es francesa, la cuenta corriente que se activa para una empresa española directamente con IBAN español. 

A pesar de tener una cuenta de gestión, se puede activar gratuitamente a modo de prueba durante los primeros 30 días tras el registro, sin ningún compromiso. 

“Utilizamos el diseño y la tecnología para dar a los empresarios y profesionales la experiencia bancaria que se merecen”

Alexandre Prot and Steve Anavi – Co-Founders @Qonto

El diseño en el centro de la revolución empresarial

Qonto es un servicio que nace de la simplificación de procesos corporativos anticuados y demasiado complejos para las empresas de nueva generación y más allá. Representa un aliado fundamental para la gestión financiera de las empresas, gracias a la extraordinaria sencillez que proporciona la mejor experiencia de usuario.

Qonto es a todos los efectos un neobanco con más de 120.000 clientes empresariales, que opera por tanto como una fintech en B2B entre Francia, Italia, España y Alemania. En España está activa desde mayo de 2019.

Uno de los puntos fuertes de Qonto frente al home banking tradicional es precisamente la gestión de cuentas con acceso multiusuario, que permite gestionar mejor los permisos de cada empleado, además de poder solicitar tarjetas personalizadas.

Las tipologías de cuentas que ofrece Qonto

Con un servicio de atención al cliente operativo y eficaz, es posible abrir una cuenta en menos de 15 minutos, eligiendo entre las diferentes cuentas en función del tamaño de la empresa.

Cuenta Solo

La cuenta perfecta para autónomos con acceso de un solo usuario, tiene una cuota mensual de 9 euros, incluye una tarjeta base One y 20 transferencias y adeudos SEPA al mes.

Cuenta Standard

La alternativa perfecta para una PYME que necesite utilizar la cuenta multiusuario hasta 5 miembros del equipo con 2 tarjetas de débito One ya incluidas en la cuota mensual de 29 euros. Las transferencias y adeudos SEPA incluidos por mes aumentan a 100.

Cuenta Premium

Tiene una tarifa de 99 euros al mes y es adecuado para empresas más estructuradas con un número ilimitado de usuarios que pueden activarse en la cuenta de la empresa. También se incluyen en la oferta 5 tarjetas de débito One físicas y un número ilimitado de tarjetas de débito One virtuales. Hay 500 transferencias y adeudos directos SEPA al mes.

Los tipos de tarjetas Qonto

A cada cuenta corriente corresponden instrumentos de pago electrónicos asociados, como las tarjetas de débito.

En el caso de Qonto, como ya se ha expresado en parte al exponer las distintas tarifas, existen 3 tarjetas disponibles con diferentes características.

qonto

Tarjeta One

One es la tarjeta básica de Qonto, no tiene ningún coste adicional ya que está incluida en la tarifa de gestión de la cuenta, a menos que se soliciten tarjetas adicionales a las incluidas en la tarifa que tienen un coste de 5 euros.

Los pagos con tarjeta en euros son totalmente gratuitos con un límite de 20.000 euros durante un periodo de 30 días consecutivos y 1.000 euros para las retiradas de efectivo que tienen un coste fijo de 1 euro por retirada.

Tarjeta Plus

La tarjeta Plus tiene una cuota adicional de 6 euros al mes, que permite mejorar ciertas condiciones en comparación con la tarjeta One.

Por ejemplo, las comisiones de los pagos extracomunitarios se han reducido a la mitad, al 1%, frente al 2% de la versión básica, el límite de pago con tarjeta se ha duplicado hasta los 40.000 euros y las retiradas de efectivo hasta los 2.000 euros durante un periodo de 30 días consecutivos.

También se incluyen 5 retiradas de efectivo durante un periodo de 30 días consecutivos, cada retirada posterior tiene un coste fijo de 1 euro.

Tarjeta X (metal)

La versión premium entre las 3 propuestas, se alinea con la tendencia del metal tiene un coste mensual de 20 euros por tarjeta que se suma al coste del plan mensual.

Prácticamente todos los servicios de pago extra de la UE, las retiradas y las comisiones están incluidos en la tarifa. 

Existen límites de gasto de 60.000 euros durante un periodo de 30 días consecutivos y de 3.000 euros para las retiradas de efectivo. 

El tipo de seguro de la tarjeta es premium y se añaden en comparación con las versiones anteriores, el acceso a las salas VIP de los aeropuertos y un servicio de conserjería con un asistente personal disponible los 7 días de la semana.

Para obtener más información y ver todas las características distintivas de cada tarjeta y cuenta, visite las páginas “Tarifas” y “Tarjetas” del sitio web de Qonto.

300x250 Banner Empresas

Disclaimer: Como siempre en nuestras reseñas sólo seleccionamos fintechs y productos que conocemos y utilizamos de primera mano. No somos asesores financieros, evaluamos las fintechs por sus servicios y expresamos una opinión totalmente personal.

Categorie
Blog

IL CONTO BUSINESS 100% SI CHIAMA QONTO

Abbiamo già recensito prodotti business a servizio delle PMI italiane, ma con questa nuova recensione della francese Qonto ci dedichiamo completamente al segmento corporate, perché mai come nelle aziende è necessario avere a disposizione soluzioni agili e veloci per far crescere il proprio business.

Chi è passato almeno una volta dalla trafila di aprire un conto aziendale, sa quanto tempo si perde in scartoffie e quanto sia difficile delegare gli accessi se non attraverso richieste e autenticazioni infinite.

Oltretutto è praticamente impossibile trovare una banca tradizionale che abbia reso 100% i propri processi, per qualsiasi cosa occorre recarsi in filiale e firmare documenti su documenti.

Registrarsi a Qonto e utilizzare i vari servizi per gestire bonifici, addebiti diretti, trasferte e note spese è un gioco da ragazzi. In più, una caratteristica fondamentale per migliorare la gestione contabile, è possibile integrare il sistema con il proprio commercialista. Accessibile sia da desktop che da pc.

Fattore di fondamentale importanza, anche se come detto all’inizio la startup Qonto è francese, il conto corrente che si attiva per una società italiana ha l’IBAN italiano.

Nonostante abbia un conto di gestione può essere attivato gratuitamente in prova per i primi 30 giorni dalla registrazione, senza alcun impegno. 

“Utilizziamo il design e la tecnologia per offrire a imprenditori e professionisti l’esperienza bancaria che meritano”

Alexandre Prot and Steve Anavi – Co-Founders @Qonto

Il design al centro della rivoluzione business

Qonto è un servizio che nasce dalla semplificazione di processi corporate desueti e troppo complessi per le imprese di nuova generazione e non solo. Rappresenta un alleato fondamentale per la gestione finanziaria aziendale, grazie alla straordinaria semplicità data dalla miglior esperienza utente.

Qonto è a tutti gli effetti una neobanca con oltre 100.000 clienti imprese, opera quindi come fintech nel B2B, sparsi tra Francia, Italia, Spagna e Germania. In Italia è attiva dal Maggio 2019, con un processo di internazionalizzazione che parte proprio dal nostro paese, con un team locale focalizzato sull’adattamento della strategia. 

A proposito di team, uno dei punti di forza di Qonto rispetto all’home banking tradizionale è proprio la gestione degli account con accessi multiutente, che permettono di gestire al meglio i permessi di ogni collaboratore, oltre a poter richiedere carte personalizzate.

Le tipologie di conti Qonto

Con un servizio clienti operativi ed efficiente è possibile aprire il proprio conto in meno di 15 minuti, scegliendo tra le differenti tipologie disponibili in base alla dimensione del business.

Opzione Solo

Il conto perfetto per il liberi professionisti con accesso ad un solo utente, ha un costo mensile di 9€, include una carta One base e 20 bonifici e addebiti diretti SEPA al mese.

Opzione Standard

L’alternativa perfetta per una PMI che ha necessità di utilizzare il conto multiutente fino a 5 componenti del team con 2 carte debito One già incluse nel canone mensile di 29€. I bonifici e addebiti diretti SEPA inclusi al mese salgono a 100.

Opzione Premium

Ha un canone di 99€ al mese e si adatta a realtà più strutturate con un numero illimitato di utenti che possono essere attivati sull’account aziendale. Vengono incluse nell’offerta anche 5 carte di debito One fisiche ed illimitate carte di debito One virtuali. I bonifici e addebiti diretti SEPA al mese sono 500.

Le tipologie di carte Qonto

Ogni conto corrente che si rispetti ha ovviamente degli strumenti elettronici di pagamento associati come le carte di debito.

Nel caso di Qonto, come già in parte espresso nel delineare le varie tariffe, ci sono 3 carte disponibili con caratteristiche differenti.

Carta One

La Carta One è la carta base di Qonto, non ha un costo aggiuntivo in quanto è inclusa nel canone di gestione del conto, a meno che vengano richieste carte supplementari oltre a quelle incluse nel pacchetto che hanno un costo di 5€.

I pagamenti con carta in euro sono completamente gratuiti con il limite di 20.000€ per un periodo di 30 giorni consecutivi e di 1.000€ per i prelievi in contanti che hanno un costo fisso di 1€ per prelievo.

Carta Plus

Per la Carta Plus è previsto un canone aggiuntivo di 6€ mensili che prevede il miglioramento di alcune condizioni rispetto alla carta base One.

Per esempio le commissioni sui pagamenti extra ue sono dimezzati all’1% rispetto al 2% della versione base, il limite di pagamento con carta è raddoppiato a 40.000€ come i prelievi in contante che passano a 2.000€ per un periodo di 30 giorni consecutivi.

Sono inclusi anche 5 prelievi in contanti per un periodo di 30 giorni consecutivi, ogni prelievo successivo ha il costo fisso di 1€.

Carta X (metal)

La versione premium tra le 3 proposte, si allinea al trend del materiale metallico ha un costo mensile di 20€ per carta che si somma al costo del piano mensile.

Praticamente tutti i servizi di pagamento extra ue, prelievi, commissioni sono tutti inclusi nel canone. 

Sono previsti limiti sulle spese per 60.000€ per un periodo di 30 giorni consecutivi e 3.000€ per i prelievi in contanti. 

Il tipo di assicurazione sulla carta è premium e si aggiungono rispetto alle precedenti versioni, l’accesso alle sale VIP degli aeroporti e un servizio di concierge con un assistente personale disponibile 7 giorni su 7. 

Per ottenere maggiori informazioni e visualizzare tutte le caratteristiche distintive di ogni carta e conto visita le pagine “Tariffe” e “Carte” del sito di Qonto.

Disclaimer: come sempre nelle nostre recensioni selezioniamo solo fintech e prodotti che conosciamo e utilizziamo in prima persona. Non siamo consulenti finanziari, valutiamo le fintech per i loro servizi ed esprimiamo un parere del tutto personale.

Categorie
Blog

MONEYFARM: L’INVESTIMENTO DAVVERO INTELLIGENTE

Se c’è una recensione che non vedevo l’ora di scrivere, è proprio quella su Moneyfarm.

Per anni sono stata fedele lettrice di tutte le loro puntuali newsletter del sabato, sempre interessanti, estremamente curate ed attuali, un appuntamento ormai imperdibile.

Screenshot della mia casella di posta ricercando la parola chiave “Moneyfarm”.

Moneyfarm rappresenta il più grande orgoglio italiano del settore fintech ed una tipologia di investimento tra le più intelligente per far crescere i propri risparmi al giorno d’oggi. 

Cos’è Moneyfarm

Moneyfarm si definisce come una società di consulenza finanziaria indipendente che ha come obiettivo migliorare il modo in cui privati e famiglie gestiscono i loro risparmi.

Per 5 anni consecutivi hanno vinto il premio di miglior consulente finanziario indipendente d’Italia.

Hanno una soluzione dedicata per ogni profilo di investitore (dalla meno alla più rischiosa) e diversi tipi di asset class (come azioni, obbligazioni, materie prime).

Si tratta di uno strumento adatto ad investimenti di medio e lungo periodo, può essere utilizzato come gestione patrimoniale, piano di accumulo e come piano pensionistico (disponibile a breve).

Come funziona Moneyfarm

Basta iscriversi al sito, chiamare il numero verde o scaricare l’app Moneyfarm per iniziare il processo di registrazione.

Il processo di registrazione è gratuita e interamente online ed include un questionario per analizzare la propensione al rischio e gli obiettivi di investimento su cui successivamente si baserà la creazione del portafoglio personalizzato.

Per quanto riguarda l’investimento minimo, un tempo era possibile investire a partire da qualche centinaio di euro, ora la soglia minima sono 5.000€ per aprire un conto Moneyfarm ed avere un gestore assegnato.

Dopo aver realizzato il primo investimento si può prevedere un piano d’accumulo per incrementare il proprio patrimonio gestito a partire da 100€ mensili.

Investendo con Moneyfarm ci dimentichiamo quindi di controllare continuamente i nostri risparmi, c’è un consulente dedicato che ci informa sull’andamento delle performance, applichiamo la strategia di Warren Buffet, uno dei nostri leader di riferimento, pensando solo ed esclusivamente nel lungo periodo.

“If you aren’t thinking about owning a stock for 10 years, don’t even think about owning it for 10 minutes.”

“Our favorite holding period is forever.”

Vantaggi di investire con Moneyfarm

Trattandosi di consulenti indipendenti non accadrà mai come in banca dove cercheranno di rifilarti prodotti del loro gruppo, l’imparzialità è una caratteristica distintiva di Moneyfarm, che non riceve compensi sui fondi  che vengono pubblicizzati.

Moneyfarm ha resto l’investimento semplice e accessibile, con un sito dalla navigazione e chiara e semplice, con una libreria di contenuti, articoli, glossari e webinar da far invidia a qualunque banca o fondo.

Altro punto essenziale che rende Moneyfarm un’ottima alternativa d’investimento sono i costi, che vanno dall’1%+IVA allo 0,3%+IVA. Considerando una media di mercato del 2% risulta sicuramente più conveniente, ovviamente il costo si riduce all’aumentare del capitale investito. Oltre che basso questo costo è omnicomprensivo, non ci sono costi di ingresso, costi per disinvestire, costi da sostenere per le modifiche che vengono fatte periodicamente sui portafogli. 

Alla base dei portafogli Moneyfarm c’è una strategia di investimento in ETF cioè fondi comuni d’investimento passivi quotati in Borsa.

La scelta degli ETF rispetto ai Fondi Comuni tradizionali è data dalla garanzia di trasparenza sulla composizione del fondo permettendo una maggiore e più accurata diversificazione; dalla riduzione dei costi dell’investimento, grazie a commissioni di gestione esigue e di ingresso molto basse e dalla maggior liquidità perché scambiati in borsa quotidianamente.

Tassazione con Moneyfarm

Per quanto riguarda la tassazione Moneyfarm Italia, la branch italiana di MFM Investment Ltd,  opera da sostituto d’imposta nel rispetto della normativa italiana. Pertanto in sede di dichiarazione dei redditi non sarà necessario effettuare nulla.

Rischi di investire con Moneyfarm

Investimento fa sempre rima con rischio, per cui va sottolineato che questo tipo di investimento è assolutamente rischioso e può causare la perdita parziale o totale del capitale investito, non c’è alcuna forma di garanzia. Anche se i profili di investimento possono essere più o meno aggressivi, è possibile definirlo come investimento prudente perché destinato a proteggere i risparmi delle famiglie e farli crescere di valore gradualmente nel tempo.

Per che tipo di investitore è consigliabile Moneyfarm?

Senza ombra di dubbio Moneyfarm fa risparmiare tempo e soldi ai suoi clienti. Risulta quindi adatta ad investitori che vogliono delegare le decisioni di investimento a dei professionisti senza preoccuparsi delle oscillazioni quotidiane del mercato.

Consigliabile per chi cerca uno strumento per il medio lungo periodo. Se si passa da un gestore all’altro è anche possibile usufruire di un’analisi gratuita degli investimenti presso altri intermediari.

Disclaimer: come sempre nelle nostre recensioni selezioniamo solo fintech e prodotti che conosciamo e utilizziamo in prima persona. Non siamo consulenti finanziari, valutiamo le fintech per i loro servizi ed espriamiamo un parere del tutto personale. Siamo quindi giunti alla conclusione che investire con Moneyfarm è un’ottima opzione per far crescere i propri risparmi in modo intelligente.